RSS Feed

Tempesta ionica, ovvero la (fu) massoneria del fumetto

22 Aprile 2013 by Vaz

Oggi niente strisce, ma un bell’aneddoto su una cosa di cui nessuno sapeva e che nessuno altrimenti vi racconterebbe.
Nell’estate del 2011 sono stato invitato da Cymon, uno degli autori di Follow the rabbit, ad entrare a far parte di Tempesta ionica, un misterioso movimento per la rivoluzione del webcomic. Incuriosito – ed essendo vanesio anche onorato – dall’invito nonostante non facessi più fumetti da anni, mi sono iscritto a questo social network a inviti, di cui non serve nemmeno postare il link perché nel frattempo è stato cancellato tutto.
Mi sono trovato davanti a una situazione paradossale: come me, altri autori erano stati invitati e, come me, nessuno aveva idea di cosa fosse di preciso questa Tempesta ionica e quale fosse il suo scopo; il bello è che non lo sapeva nemmeno il suo creatore, che in sostanza aveva inventato il nome e nient’altro. Una volta radunati praticamente ci ha detto “Allora, che facciamo? Che proposte avete?”
La risposta naturale era “Ma come, se non lo sai tu che hai creato il tutto, figurati noi” e difatti nel Dicembre dello stesso anno, preso atto della situazione ridicola, me ne sono andato. Loggandomi nei mesi successivi mi sono accorto che dopo di me non ha più postato nessun altro, dopo di che il tutto è stato cancellato.
A conti fatti, l’unica discussione interessante è stata quella sul reclutamento di nuovi affiliati, che è partita per la tangente dopo che ho (incautamente, ma non potevo saperlo) proposto di contattare Gaunt Noir. Questo nome ha fatto praticamente sbroccare una dei partecipanti, ovvero Valentina “TYN” Sgaggero, che qualcuno forse ricorderà per Hamleto il criceto. Di quello sbrocco ho saggiamente tenuto da parte una copia, memento della loggia massonica del fumetto che non fu mai. Buona lettura.


4 Comments »

  1. Turel ha detto:

    Ma posso leggere solo la home page che hai linkato… peccato

  2. Vaz ha detto:

    Ho salvato in pdf solo quella discussione, in realtà ce n’erano poche altre e non molto interessanti.

  3. Ale ha detto:

    Woah… credevo che gli autori di webcomics sapessero usare i mezzi toni, quanto meno di grigio XD!
    Cmq che chicca… peccato che il progetto sia partito con una litigata e lì sia affondato 🙁

  4. Bruce Duke ha detto:

    Quindi questo tempesta ionica era l’ennesimo tentativo di far risorgere nuvole elettriche? (nuvole elettriche —> tempesta ionica, wow)… quando mi manca nuvole elettriche T_T

Rispondi