Comicon(venscion) ’05

Al Comicon ci sono andato una volta sola e non credo ci tornerò mai più. Visto che state linkando roba a manetta in proposito, beccatevi questo resoconto inedito/inacidito fatto malissimo sul pullman durante il viaggio di ritorno.

Click per ingrandire
Click per ingrandire

Il venditore #4 [FINE]

Quarta e ultima striscia de Il venditore. Pietro ne aveva scritte altre due, che non ho mai disegnato perché prevedeva la presenza di Jen e Brandy di Liberty Meadows, che non sarei mai stato in grado di disegnare. Nel frattempo avevo iniziato a sviluppare lo Spazzolino e poi è andata com’è andata.

venditore04

Il venditore #3 (uncut)

Questa controversa striscia viene pubblicata per la prima volta, a dieci anni di distanza, in versione integrale. All’epoca della pubblicazione, a causa dell’argomento trattato, alcuni amici del forum di MAMEMan, cui ero co-admin insieme a ReRosso, sollevarono la questione dell’opportunità di postare una cosa del genere, tant’è che alla fine, dopo diverse discussioni, Pietro ed io la saltammo a piè pari (e infatti sul suo sito non c’è). Qualche anno dopo, sulla vecchia versione di questo sito, la postai in versione “tagliata”, ovvero senza l’ultima battuta del cliente. Oggi ve la presento così com’era stata concepita inizialmente da Pietro.
Sempre a partire da questa striscia c’è una variazione “stilistica”. All’epoca ero in piena crisi, nel senso che non sapevo come rendere i personaggi e decisi di lasciare il tutto a matita. Il venditore è, a tutti gli effetti, un prototipo dell’Omino Calvo, che poi avrebbe perso appunto, nella versione definitiva, la capigliatura.

venditore03

Il venditore #2

Ho recuperato la versione a colori delle strisce 1-2, quindi giacché c’ero ho sostituito anche quella della settimana scorsa.

venditore02_col

Il venditore #1

Per l’angolo del vecchiume oggi abbiamo la prima striscia (di 4) de Il venditore, ideato e scritto dall’ormai ritirato a vita privata Pietro Giordani e disegnato da me, che all’epoca volevo disegnare una strip ma non sapevo ancora cosa e come disegnarla. La qualità dell’immagine purtroppo è quella che è, i mezzi (e le capacità) all’epoca erano davvero scarsi.

venditore01_col

Flatmates #1

Nel 2003 mi ero messo in mente di cominciare una striscia, ma non avendone mai fatte prima non sapevo come procedere e andavo per tentativi. Prima venne Q, tutta fatta in Paint e interrotta dopo 25 strisce, poi Life thru a lens, durata ancora meno con una fugace apparizione sull’edizione abruzzese de Il Tempo.
Flatmates è un altro di quei tentativi, pesantemente debitore di Friends, che però non ha mai superato lo stato di bozza, venendo abbandonato dopo appena 7 strisce perché avevo già la sensazione di non sapere dove andare a parare.

(Cliccate sull’immagine per leggerla alla risoluzione originale)

marcolara01

Padre Eusebio d’Arapietra

Incredibile ma vero, ogni tanto dal mio hard disk continua a saltare fuori del vecchiume inedito. In questo caso, non si tratta di una vera e propria storia a fumetti, ma di una cartolina d’auguri fatta per un amico in procinto di trasferirsi in Francia per insegnare italiano a dei bifolchi della banlieue parigina. La scansione è quella che è, avendola fatta nel 2000 con uno scanner a pedali, mentre il fumetto vero e proprio risale al Settembre del 1999, quando ancora disegnavo delle parvenze di esseri umani.



E. ver. 2

Troppi anni fa, realizzai una sottospecie di graphic novel intitolata E., che potete leggere qui. Convinto della bontà del materiale lo feci leggere al mio insegnante di sceneggiatura alla Scuola del Fumetto di Pescara, Enzo Verrengia, che mi suggerì di ridisegnarlo bene e farlo colorato in modo da poterlo presentare a qualche casa editrice. Con l’aiuto di Elisa Graziani alle chine e ai colori, che successivamente ha colorato la serie 2.5 dello Spazzolino del mago Zurlì, iniziai questa versione 2.0, salvo poi interromperla dopo una quindicina di pagine perché non ero affatto convinto del risultato finale (parlo delle matite, Elisa ha fatto un ottimo lavoro). Per la prima volta metto online questo lavoro incompiuto, che venne accantonato in favore di una terza versione, di cui magari vi parlerò più in là.

Risate a denti stretti

Tanto tempo fa, alla Scuola del Fumetto di Pescara erano state commissionate delle illustrazioni per un fantomatico libro destinato ad un pubblico in tenera età, che doveva raccogliere le barzellette più famose (o almeno mi pare di ricordare così). Naturalmente non se n’è fatto niente e questo disegnino è rimasto (fortunatamente?) nel cassetto.

Il mio amico Enrico – Le strisce: Non c’è due senza tre

Seconda e ultima tavola domenicale di Enrico, inedita e mai inchiostrata.
Per quanto riguarda la programmazione di questo sito, invece, non so ancora se proseguire con altro vecchiume inedito o fare qualcosa di nuovo, ma la seconda ipotesi mi sembra poco praticabile, non tocco tratto-pen da Febbraio e probabilmente mi sono pure scordato come si disegna.

Il mio amico Enrico – Le strisce: Casanova 2003

La versione a strisce de Il mio amico Enrico prevedeva originariamente una struttura periodica identica a quella dei Peanuts, con una tavola domenicale. Con l’abbandono del progetto mi ritrovai con due tavole da impiegare altrimenti e una delle due, con Chiara ai disegni, finì in un numero imprecisato di Cartaigienicaweb del 2004 con il titolo Casanova 2003. La seconda, assolutamente inedita, potrete leggerla Venerdì prossimo.

Il mio amico Enrico – Le strisce #11

Questa striscia – che è l’ultima perché non ho proseguito con le sceneggiatura causa mancanza di idee, del resto era la mia prima vera storyline in più strisce – esiste in due versioni: una, quella definitiva, apparsa con il titolo Death of a party, con i disegni di Francesca Ferri, nel 2005 sulla webzine CartaigienicaWeb. Una curiosità: Francesca ha fatto da modella per la copertina della graphic novel Intermezzi di Davide Zamberlan.

Esiste però anche una versione mai terminata, con le matite di Chiara e inchiostrata per 1/3 da me, nel senso che non l’ho mai finita perché non mi stava piacendo il risultato finale. L’ho ritrovata per caso fra le mie scartoffie ed è per la prima volta che finisce online. Notare che fra una vignetta e l’altra compare l’indirizzo del mio primissimo sito, c64.cjb.net.

Con Enrico non abbiamo ancora finito, però…

Il mio amico Enrico – Le strisce #09

Le strisce successive all’ottava sono state pubblicate come “one shot” in diverse occasioni, anche se narrativamente erano tutte collegate tra loro. Questa, ad esempio, è stata disegnata da Chiara e pubblicata nel 2003 sul quindicinale Giorno&Notte, periodico gratuito distribuito nella provincia di Pescara, la cui caratteristica era la cronica difficoltà di reperibilità.