Alex Kidd - The Lost Stars
[SEGA, 1986]


Questi sono i classici giochi che mi fanno dubitare della stabilitÓ mentale dei loro programmatori... allora in breve la trama Ŕ questa: voi siete un bambino, che per ragioni a me ignote deve attraversare le zone di un mondo composto per lo pi¨ da enormi dadi colorati... lungo la strada troverÓ nemici da saltare, piattaforme mobili, power up a tempo che gli permetteranno di sparare, saltare pi¨ in alto e cosette del genere... e fino a qui la trama Ŕ molto simile a quella di grandi classici del videoentertainment come "Super Mario Bros", quindi dovrebbe essere un bel gioco, facile, immediato e coinvolgente, no?

NOOOOOOO!!! Premettendo che i miei nervi hanno resistito veramente poco, e che comunque sfido chiunque abbia pi¨ di cinque anni a giocare ad Alex Kidd per pi¨ di mezz'ora e trovarlo non dico appassionante ma quantomeno divertente; il bambino malefico che salta e che muore ad ogni minimo contatto con un nemico o per ogni differenza a livello di pixel con una piattaforma inizierÓ ad esservi antipatico dopo pochissimo, per poi diventare con il passare del tempo una vera e propria rottura di p***e.

Gli unici pregi del gioco, ovvero l'immediatezza del sistema di controllo e la facilitÓ di apprensione delle regole, vengono soffocati da una ripetivitÓ di situazioni evidente anche per un autistico... bah...

- Klaproth

© 2001 MamEnd Team.