Mortal Kombat II
[Midway, 1993]


Grafica: 97%

Cominciamo col comparto grafico, innanzitutto si deve dire che in questo picchiaduro gli sviluppatori, capeggiati da Ed Boon e John Tobias, hanno usato una tecnica, allora rivoluzionaria, in grado di catturare le immagini dei lottatori e di digitalizzarle, per essere inserite nel videogioco, in modo da avere dei giocatori iper realistici. Tutto cio' dona al gioco un'esperienza notevole, grazie anche ai fondali, con delle palette di colori splendide, e delle atmosfere da URLO. Si ha come l'impressione di essere catapultati ed immersi in un mondo ostile e dimenticato da Dio, decadente, misterioso, popolato da creature strane, dove si deve cercare di sopravvivere a tutti i costi. Le animazioni dei personaggi sono eccellenti, e gli schizzi di sangue (gia',non lo sapevate che era un gioco violento?) contribuiscono a rendere un senso di violenza esasperato!

Sonoro: 95%

Beh, che dire, se la grafica e' da 97% il sonoro non e' certo da meno. Gli accompagnamenti musicali servono a ricreare quell'atmosfera e senso di oppressione caratteristici del titolo. I vari urli, versi, rumori di lame affilate che sbudellano i corpi, ossa che scricchiolano al contatto col duro pavimento, sono campionati in maniera magistrale, regalando al giocatore attimi di sano divertimento e goduria uditiva.

GiocabilitÓ: 95%

12 personaggi, 2 boss di fine livello, 3 personaggi segreti (non giocabili), la possibilita' di giocare al mitico Pong, non mi sembrano cose da poco! Aggiungete fino a 6 mosse per personaggio (15 per lo stregone Shang Tsung,in grado di trasformarsi in chiunque dei 12 lottatori) e una valanga di comandi per pestare,ed avrete fatto un gioco vincente! Inizialmente ci dovremo impratichire non poco col sistema di controllo, avremo due tasti per i pugni (alto e basso) due tasti per i calci (alto e basso) e un tasto per la parata. "Tutto qui?" direte voi... Eh no, perche' ci sono anche le belle combinazioni, uguali per tutti i characters, come: indietro + calcio basso per lo sgambetto, indietro + calcio alto per la spazzata, e giu' + pugno alto per l'uppercut. Poi ci sono i vari e classici calci volanti ecc, come in tutti i beat 'em up. Che dire, ce n'e' per tutti, dopo un po' di pratica si potra' sbudellare chiunque, computer compreso, che come livello di difficolta' si attesta su livelli medio-alti, inclusi i boss finali.

LongevitÓ: 98%

Ci vorra' un bel po' prima di completare il gioco con tutti i personaggi, e ce ne vorra' ancora di piu' per imparare tutte le mosse e le Fatalities... non sapete cosa sono queste ultime? Ma ve lo spiego io! Si tratta di un modo con cui terminare fisicamente il vostro avversario. Avete vinto due round su due, credete di aver finito l'incontro, invece no: compare la scritta "finish him/her", a questo punto, a una determinata distanza variabile da personaggio a personaggio, dovrete digitare una combinazione di tasti che dara' come risultato la dipartita del vostro avversario; vi capitera' di vedere il corpo del nemico aperto a meta' per verticale, per orizzontale, vedergli mozzata la testa, vederlo incenerito o esploso, o entrambi insieme, con degli effetti gore da macellaio! Stupendo! Oltre alle Fatalities i programmatori hanno inserito anche le Babalities, con cui trasformerete l'avversario in un neonato, le friendship, con cui donerete un regalo, farete un balletto ecc... E le Pit fatalities,con cui sfrutterete il fondale a vostro favore, piantando il perdente sulle punte del soffitto, buttandolo giu' da un ponte, o facendolo sciogliere in una pozza di acido, e' un gioco MITICO! Lo rigiocherete tante volte, perche' ce ne vorra' di tempo per vedere tutta quella roba.

Globale: 97%

Un gioco che merita, piu' del predecessore, in quanto a grafica e' migliorato parecchio, per il sonoro anche, alzate lo stereo e ve ne accorgerete! La giocabilita' e la longevita' toccano il cielo... che dire? Da avere assolutamente! Il divertimento e' assicurato!

- DjPSX

© 2004 MamEnd Team.